Articoli

LegalLAB® sigla una partnership con LABLAW

Bolzano, 8 aprile 2021

Con questa partnership LegalLAB® e LabLaw costituiscono a Milano e Bolzano un vero e proprio polo della consulenza aziendale che dalla privacy e data protection, IT, compliance e governance aziendale, si estende anche al diritto del lavoro, sia in ambito nazionale che internazionale.

Nella sede di Bolzano opererà il team di avvocati specialisti guidato dai founding partners di LegalLAB, Eduardo Guarente e Loredana Romolo, nonché l’avv. Alessandro Paone, equity partner di LabLaw e of counsel di LegalLAB, unitamente al german desk di LabLaw presidiato dal senior partner di madrelingua tedesca, Laura Cinicola.

La partnership con LabLaw nasce con l’obiettivo di offrire una consulenza con un orizzonte più ampio”, afferma Eduardo Guarente“Con LabLaw la nostra organizzazione non accresce soltanto la propria dimensione con l’intento di consolidare la sua posizione sul mercato, ma integra la propria expertise con quelle in ambito labour di LabLaw, studio legale associato di elevato standing a livello nazionale”. “Questa partnership ci consentirà di offrire una consulenza specialistica, flessibile e multidisciplinare, in grado di soddisfare le esigenze delle aziende in maniera pragmatica e tempestiva con un team che parla fluentemente italiano, tedesco e inglese”, sottolinea Loredana Romolo. “Siamo orgogliosi che LabLaw abbia deciso di investire nel territorio ed abbia deciso di condividere l’iniziativa con LegalLAB® “.

Per Alessandro Paone, regista dell’iniziativa, “Era da tempo che guardavamo con interesse al territorio del Trentino Alto-Adige, e dopo alcune esperienze di assistenza di aziende locali, abbiamo maturato la convinzione che vi fossero tutte le condizioni per stabilirci avendo trovato colleghi che condividono con noi lo spirito di iniziativa, la voglia di crescita e soprattutto puntano alla massima qualità ed eccellenza dei servizi offerti”. Sul piano del business Paone precisa “si tratta di un territorio particolare, in cui prevale ancora il desiderio dell’imprenditore di poter godere di una relazione diretta con il proprio avvocato ed il suo studio, una metodologia che noi applichiamo con successo da tempo nelle nostre sedi, merito dell’esperienza al fianco di grandi gruppi a conduzione familiare che abbiamo arricchito con una componente di novità ovvero con un approccio sì diretto, taylor made e familiare, ma integrato con quello strutturato di una grande law firm. In questo modo le aziende potranno ottenere dallo Studio una assistenza completa, a tutto tondo, in ogni materia coperta, e cioè diritto del lavoro, privacy, compliance e gestione della governance”.

Trattamento dei dati relativi alla vaccinazione Covid-19 nel contesto lavorativo in ambito privato.

di Consuelo Leonardi

In Italia la campagna vaccinale contro il Covid-19 si trova ancora in una fase iniziale e il mondo imprenditoriale non è stato finora coinvolto, tuttavia le domande e i dubbi che circolano all’interno delle aziende, e non solo, sono molteplici. 

La dottrina, giuslavoristica in particolare, ma non solo, ha tentato di trovare risposte ai diversi interrogativi sollevati dalla vaccinazione nel contesto lavorativo, che spaziano dall’eventuale obbligatorietà della vaccinazione per la generalità dei dipendenti ovvero per determinate categorie e/o settori, alla corretta gestione e trattamento dei dati personali sulla vaccinazione. 

L’Autorità Garante per la Privacy, con nota del 17 febbraio 2021, ha ritenuto necessario fornire uno strumento utile ai titolari delle aziende, nonché Enti e Amministrazioni pubbliche per la corretta applicazione della disciplina della normativa applicabile (Regolamento UE 2016/679 “GDPR” e D.lgs. 196/2003 novellato dal D.lgs. 101/2018) nell’ambito della gestione e del trattamento dei dati personali relativi alla vaccinazione in ambito lavorativo. A riguardo, il Garante ha pubblicato sul sito www.gpdp.it delle FAQ, al fine di fornire indicazioni e suggerimenti per il legittimo e corretto trattamento dei suddetti dati cd. “particolari” ai sensi dell’art. 9 GDPR. 

I quesiti a cui risponde il Garante sono i seguenti:

Il Datore di lavoro (inteso ai sensi del D.Lgs. 81/2008):

  1. può chiedere conferma direttamente ai propri dipendenti dell’avvenuta vaccinazione?
  2. può chiedere al medico competente i nominativi dei dipendenti vaccinati? 
  3. può chiedere ai propri dipendenti di vaccinarsi contro il Covid-19 per accedere ai luoghi di lavoro e per svolgere determinate mansioni?

In merito al primo quesito il Garante si pronuncia negativamente. La richiesta di informazioni da parte del Datore di lavoro al dipendente sull’avvenuta vaccinazione e/o la richiesta di consegnare una copia della documentazione comprovante la stessa non è consentito né dalle disposizioni dell’emergenza sanitaria, né dalla normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Inoltre, il trattamento dei dati in questione da parte del datore di lavoro non può essere reputato lecito sulla base del consenso del dipendente, ex art. 9 GDPR, in quanto il Considerando n. 43 del GDPR precisa che il consenso non possa rappresentare una valida base del trattamento ogniqualvolta vi sia un “evidente squilibrio tra l’interessato e il titolare del trattamento”, come nel rapporto tra Datore di lavoro e dipendente. Un simile squilibrio pregiudica, infatti, la libera espressione del consenso.

Il Garante assume una posizione prudenziale anche in riferimento al secondo quesito. Difatti, solo il Medico competente nominato dall’azienda può legittimamente trattare i dati sanitari dei lavoratori, ivi comprese le informazioni relative alla vaccinazione contro il Covid-19. Trattamento, consentito al medico, unicamente nell’ambito delle attività, indicate dagli artt. 25, 39 comma 5, e 41 comma 4, del D.lgs. 81/2008, di sorveglianza sanitaria e in sede di verifica dell’idoneità alla mansione specifica del lavoratore. Pertanto, la richiesta del Datore di lavoro di ricevere informazioni dal medico competente in merito allo stato della vaccinazione dei propri dipendenti non è consentita in base alla Normativa applicabile. Il Medico competente, invece, dovrà fornire al Datore di lavoro i giudizi di idoneità alla mansione specifica e le eventuali prescrizioni e/o limitazioni del caso (ex art. 18 comma 1, lett. c), g) e bb) del D.lgs. 81/2008).

Il terzo interrogativo è indubbiamente più complesso, vista l’assenza, ad oggi, di interventi legislativi che stabiliscano l’obbligatorietà del vaccino contro il Covid-19 per poter svolgere determinate attività lavorative, eccezion fatta per l’art. 279 del D.lgs. 81/2008, che sempre su parere conforme del Medico competente, prevede l’adozione da parte del Datore di lavoro di “misure protettive particolari” come può essere il vaccino contro il Covid-19, per quei lavoratori ad esposizione diretta degli “agenti biologici” nell’ambito lavorativo. Allo stato attuale, quindi, solo nel contesto sanitario è possibile ipotizzare un obbligo vaccinale, tenuto conto dell’elevato rischio a cui sono esposti i lavoratori. 

In aggiunta, parte predominante della dottrina, ha precisato che un simile obbligo di vaccinazione, allo scopo di tutelare i lavoratori e gli utenti dell’impresa, non può trovare base normativa nell’art. 2087 del Codice civile, che sancisce l’obbligo in capo all’imprenditore di “adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo le particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro,” poiché l’art. 32 della Costituzione stabilisce l’impossibilità di obbligare un soggetto “a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge.” 

Pertanto, fintantoché il legislatore non interviene con un provvedimento normativo specifico e dedicato alla vaccinazione contro il Covid-19, che raccolga la riserva di legge precisata nel dettato costituzionale, il Datore di lavoro non può richiedere ai propri dipendenti di sottoporsi a vaccino per poter accedere ai luoghi di lavoro. 

Si auspica che il legislatore provveda prontamente all’emanazione di linee guida e/o di disposizioni legislative al fine di agevolare il processo decisionale aziendale in materia e assicurare il rispetto della normativa giuslavoristica e concernente il trattamento dei dati personali.

Nelle more, si ricorda l’importanza di procedere, con il supporto del Medico competente, all’implementazione delle misure indicate nel “Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” nel rispetto della normativa vigente in materia. 

Versione vademecum FAQ – Trattamento di dati relativi alla vaccinazione anti Covid-19 nel contesto lavorativo al link:ba389a97-5cc5-6bd5-fef7-debe613524c6 (garanteprivacy.it)

DISCLAIMER

La presente Newsletter ha il solo scopo di fornire informazioni di carattere generale. Di conseguenza, non costituisce un parere legale né può in alcun modo considerarsi come sostitutivo di una consulenza legale specifica. 

WE ARE HIRING

Stiamo cercando un giovane avvocato oppure una/un giurista (che abbia già terminato la pratica forense) da inserire nel nostro team. Requisiti essenziali: madrelingua tedesca , ottima conoscenza della lingua inglese, essere motivato e dinamico. Inviaci la tua candidatura all’indirizzo: info@legallab.it, oppure attraverso la sezione recruitment sul nostro sito: https://lnkd.in/gyYhwgy

Wir suchen eine/n jungen Anwalt oder JuristIn (mit bereits abgeschlossen Anwaltspraktikum) für unser Team. Grundlegende Anforderungen: Deutsch Muttersprache, sprichst und schreibsy in Englisch und bist motiviert und flexibel. Dann sende uns deine Bewerbung an info@legallab.it, oder über unsere unsere Webseite: https://lnkd.in/gyYhwgy